Lavoriamo per conto del Signore

kim davis«Lavoriamo per conto del Signore», ripetevano i frenetici Blues Brothers impegnati a rimetter su la Banda. Lavorava per conto del Signore anche Kim Davis, l’impiegata comunale del Kentucky che rifiutava le licenze matrimoniali alle coppie gay in forza dell’autorità che il Padreterno in persona le aveva conferito. La famiglia naturale è un valore non negoziabile e bisogna dire che la signora Davis, con grande coerenza, ne aveva collezionate ben quattro. Il datore di lavoro terreno della funzionaria e il giudice distrettuale però su queste faccende la pensavano diversamente. «L’idea dell’esistenza di norme naturali che consentono di ignorare le leggi dello Stato e l’autorità dei tribunali rappresenta un pericoloso precedente per il nostro Paese», ha infatti sostenuto il magistrato che l’ha arrestata.

Dalle nostre parti non abbiamo la frégola della manette facili ma al contrario, dal momento che nessuno è perfetto,  pratichiamo la deprecabile usanza di fottercene allegramente delle leggi dello Stato, soprattutto quando entrano in gioco gli interessi del Capo (quello celeste) della signora Davis. Le scuole religiose, per esempio: siamo costretti a finanziarle anche se è vietato, non da una leggina dimenticata in un cassetto, ma dalla Costituzione. Oppure la legge sull’aborto: la stragrande maggioranza dei medici pubblici non praticano l’interruzione di gravidanza perché lavorano per conto del Signore, con lo stipendio pagato dai contribuenti. Le leggi dello Stato possono essere ignorate in virtù di presunte norme naturali ed il bello, si fa per dire, è che è tutto assolutamente legale. Ma non è il caso di gridare allo Stato Etico; siamo emancipati e secolarizzati, persino più degli americani. Viviamo solo in uno Stato Penoso.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in articoli, ElzeVirus e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...