La macchietta transatlantica

Il simplicissimus

253708-thumb-full-sequence_05Non c’è alcun bisogno che Renzi parli nel suo inglese sgangherato, in qualunque lingua si esprima il risultato non può che essere imbarazzante per l’inconsistenza. Nel corso della sua visita di omaggio a Washington, dove si è presentato con bottiglie di vino quasi fosse un mezzadro che va dal padrone del fondo, ha dovuto fare i salti mortali per mostrare la dovuta reverenza ad Obama e giustificare l’ossequio verso il voleri del moloch americano.

E qui ha dovuto dare fondo alle sue capacità di dire sciocchezze da bar con l’eloquio dello statista, senza preoccuparsi di sconfinare nel grottesco. Ecco un esempio prezioso del Renzi non-pensiero sul famigerato trattato transatlantico:  “l’Italia ha tutto da guadagnare sotto il profilo economico ma soprattutto perché mentre gli Usa concludono accordi con la Cina e altri attori noi, che con gli Usa abbiamo una collaborazione storica forte, non possiamo non fare altrettanto”. Ora a parte il tutto…

View original post 408 altre parole

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in articoli. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...