A Saint, He Ain’t

cristoIl New York Times scrive un duro editoriale contro la santificazione di papa Wojtyla, ricordando come il papa polacco non fece nulla contro il fenomeno della pedofilia. “È orribile e ferisce il fatto che per la Chiesa quelle migliaia di vittime tradite e danneggiate siano date per scontate come un asterisco che lentamente scompare”. Per il quotidiano americano “un uomo che fece finta di non vedere la crisi morale non può essere descritto come un santo”. La chiesa romana che lo eleva agli altari “è come se facesse l’occhiolino all’inferno che causò a numerosissimi bambini e ragazzi”. A poche ore di distanza, in Val Camonica, una croce dedicata al papa polacco cade e uccide un ragazzo di 21 anni. Personalmente considero le santificazioni anacronistiche e grottesche, ma le discussioni che ne scaturiscono proprio non mi appassionano; sicché tra la reazione del New York Times e quella del Cristo bresciano preferisco di gran lunga la prima: civile, contenuta, pacifica.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in ElzeVirus e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...