Disperato erotico stomp

morattiI presidenti delle squadre di calcio passano per soggetti non troppo raccomandabili. Il calcio offre visibilità, facilita le relazioni, è un’ottima scorciatoia nel mondo degli affari. Il presidente spesso è un affarista con la squadra di calcio in vetrina e qualche affare non troppo limpido nel retrobottega. Ci sono stati presidenti fuggiti all’estero con la cassa, altri vicini alle mafie, altri ancora intrallazzati con la politica.

Eppoi c’è Lui, il presidente rossonero, a tempo perso anche presidente del consiglio. Ha arricchito il palmarès del Milan e impoverito gli italiani. Del resto da uno che rinfacciava agli avversari politici di non aver mai vinto una Champions League, variante pallonara del “lei non sa chi sono io!”, cos’altro ci si poteva aspettare?

Massimo Moratti, il presidente dell’Inter che ha appena ceduto la società a un magnate thailandese, appartiene invece alla categoria in via di estinzione del mecenate, ovvero il danaroso donchisciotte che sperpera un patrimonio in acquisti sontuosi e ingaggi da favola. Ha vinto parecchio, ma ogni gol segnato dalla sua squadra aveva costi milionari. Ora l’hidalgo petrolifero cede il passo, i tempi sono cambiati. Ma esce di scena in modo dignitoso, perché rispetto a tanti suoi colleghi è un galantuomo, forse l’unico che riuscirebbe a vendere un’auto usata. Magari anche a me che sono juventino (nessuno è perfetto).

Annunci
Immagine | Questa voce è stata pubblicata in Fotografie e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...